Categorie
Bike

La finzione è …solo bici?

Oggi piove, non posso andare a lavoro in bici o meglio, non voglio. Esco di casa a piedi, dopo un istante il marciapiede svanisce per fare posto all’entroterra siculo, ora non piove piu’, un caldo sole illumina quella che fino ad un attimo fa era una triste giornata, sono nella valle dei templi, con Girolamo, attraverso un guado, lo faccio come l’ho visto fare da Silvano, Andrea in Islanda, beh forse l’acqua non e’ cosi’ fredda,non rischio di essere travolto dalla corrente, ma e’ come se fossi li’.Approdo alle coste Croate con Teo, il viaggio scorre, veloce, ma ne assaporo ogni istante, frammenti di cicloviaggi.Mongolia, Po col pancione, Canada, Camino di Santiago, Dolomiti, Milano-Brescia.Ricordando che quello che conta e’ il viaggio, giungo a destinazione e mi vergogno un po’. Oggi sara’ difficilissimo essere mezzo uomo e mezzo ufficio (come dice Girolamo),oggi saro’ mezzo ciclista e mezzo viaggiatore o forse mezzo ciclista e mezzo sognatore, non mi serve la bici, non oggi, perche’ mi e’ rimasta dentro.

Questo scritto  estratto da “il cicloviaggiatore” è quanto di piu vero si può dire sulla finzione e sull’immaginazione di chi come me sente mentre pedalo. Vicino o lontano non importa, rimane il fatto in se e mentre l’ho letto, immediatamente l’ho condiviso.

Una risposta su “La finzione è …solo bici?”

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...