Categorie
Varie

Ricordi boliviani

Entrare nel Salar è un’esperienza unica e incredibile. Piatta, bianca e senza fine, la sensazione di spazio totale e orizzonti illimitati, una situazione che viene affrontata dalla mente in modi che trovo difficili da descrivere. Una sorta di irrealtà che è scandita dal rumore delle gomme sulla strada del sale e dal suono del respiro nella sparsa altitudine dei quasi 4000 metri s.l.m.. Tutto fatto per una giornata in solitaria, lunghissima, dritta e piatta in bicicletta! Un’esperienza indimenticabile e un ricordo che rimarrà impresso per lungo e forse eterno momento.

E poi il vento si alza, forte, mordente e freddo, non c’è nessun posto dove nascondersi o correre. Le labbra iniziano a bruciare e le mani diventano grintose, e baciate da questo momento diventano salate. Preparo il campo, la tenda mi aspetta, ma il sale è come il cemento e quindi è faticoso fissarla al suolo, una bici posata sul fianco diventa l’ancora fondamentale. La tenda batte per ore e la posta in gioco è sfida, essenziale per arrivare al giorno seguente……

Il Salar, emozioni continue e indimenticabili ………

P1070862 copia.JPG

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...